Il viaggio come crescita personale: la mia storia - Cristian Barbarino
16929
post-template-default,single,single-post,postid-16929,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Il viaggio come crescita personale: la mia storia

Il viaggio come crescita personale: la mia storia

Vivere un viaggio come crescita personale è un’esperienza che ho sperimentato in più occasioni.

Ho sempre considerato i viaggi, non semplici vacanze, ma finestre sul mondo, momenti che hanno portato a un cambiamento dentro e fuori di me.

Herman Hesse, a proposito, diceva “Viaggiare deve comportare il sacrificio di un programma ordinario a favore del caso, la rinuncia del quotidiano per lo straordinario, deve essere una ristrutturazione assolutamente personale alle nostre convinzioni”.

Ogni volta che ho cliccato PRENOTA, ogni volta che ho chiuso la zip del mio trolley, sapevo che non sarei più stato lo stesso Cristian.

Ho imparato a riconoscere l’essenza del viaggio come crescita personale, fin dalla mia prima esperienza negli States nel 2002. Ho colto l’opportunità di visitare paesi e culture differenti, scoprendo stili di vita che mi hanno insegnato a guardare il mondo da un’altra prospettiva.

Ho deciso di raccontarvi i viaggi che hanno cambiato la mia vita, con la speranza di ispirare qualcuno di voi. In attesa di tornare a viaggiare, vi porto a compiere un viaggio virtuale insieme a me fra quattro continenti: Africa, America, Asia ed Europa.

2002: la svolta dagli USA al Giappone, fino al Canada

Nel 2002, sono approdato per la prima volta agli Stati Uniti (Chicago, Illinois) e per non farmi mancare nulla, nello stesso anno ho visitato il Giappone (Tokyo). In quell’occasione, ho partecipato a competizioni internazionali di bande musicali le cosiddette marching bands. Sempre lo stesso anno, varcavo il confine del Canada, nella città di Toronto, per turismo.


2012: Florida… the Sunshine State

Sono arrivato a Sarasota in Florida (un amore a prima vista), per partecipare a un programma promosso da una società di formazione legata al Coaching & PNL. Mi sono trovato catapultato in una dimensione che è andata oltre le mie aspettative, dove ho trascorso tre mesi di vita… da quel momento la Florida è diventata una seconda casa, almeno 1 volta l’anno ci faccio visita a trovare amici.

2013: Londra, Tony Robbins & back to Sarasota

Nell’aprile del 2013, ho incontrato per la prima volta Tony Robbins all’evento Unleash the Power Within. Per chi non lo conoscesse, è considerato il leader nel mondo della formazione e del cambiamento. Quattro giorni che hanno ribaltato la mia vita privata e professionale. VI RACCONTO TUTTO QUI!

Nello stesso anno, sono tornato a Sarasota per il lancio di progetti personali sulla formazione, il mondo del Real Estate Immobiliare e le collaborazioni come Designer per la Polizia Americana.

2014: California, primo viaggio in solitaria

Per un digital addicted quale sono, la prima esperienza in solitaria, non poteva essere che in California. Quel viaggio ha ridisegnato il mio concetto di viaggio come crescita personale. Ho trascorso un mese nel Sunset State, esplorando il territorio da Nord a Sud. Mi sono imbattuto nei giganti della Silicon Valley e ho visitato i quartieri generali di Adobe, Facebook, Apple e Google. Da questo momento nasceva l’era del Nomadismo Digitale e quindi tutte le mie “avventure” di smart e remote working facevano il giro del mondo… con un pc e una buona connessione wifi. Qui trovate tutte le tappe del mio viaggio!

2015: Sud est asiatico… un anno e quattro continenti

Ho iniziato l’anno con il primo viaggio nel continente africano. Sono stato invitato da un resort a Zanzibar per ricreare la loro brand identity. Un’esperienza profonda che mi ha dato l’occasione di conoscere un territorio e il suo popolo a 360°.

Due mesi dopo, mi sono concesso un tour in solitaria nel sud est asiatico. Ho toccato la Malesia, Singapore fino all’Indonesia. Arrivo poi ad Ubud, nell’isola di Bali presso la struttura di HUBUD, uno degli ambienti di coworking più famosi al mondo, ho lanciato alcune collaborazioni. Nello stesso anno ho avviato alcuni progetti con gli Stati Uniti, tra gli altri quello con New York City 4 All.

Dopo l’estate ho sperimentato i vantaggi del lavoro di nomade digitale, concedendomi la possibilità di organizzare le mie giornate, la mia vita e lavorare fra Germania, Regno Unito e Turchia. Quello che è avvenuto poco dopo è stato un vero esempio di viaggio come crescita personale. Lo studio del Reiki, infatti, mi ha portato a compiere un tour in Giappone tra le vie del maestro Usui e la cultura nipponica.

2016: dalla Thailandia a Mowgli

Ho iniziato l’anno alla scoperta della Tailandia e mi sono fermato un mese a ChiangMai, considerata the place to be per tutti i nomadi digitali. Tutto è cambiato però, nel mese di marzo a Singapore con l’apertura della società Mowgli. Questo mi ha permesso di fare diversi viaggi durante l’anno nel sud est asiatico per seguire i progetti e i clienti.

2017: la mia Lisbona

Il 2017 ha rappresentato il mio anno zero. Il bagaglio delle mie esperienze degli ultimi anni, mi ha portato a cambiare vita, verso una nuova base. Nel mese di gennaio, infatti, mi sono trasferito a Lisbona, un periodo di vita carico di stimoli e opportunità.

2018: Lisbona-Londra-New York

La formazione è parte integrante del mio lavoro. Nel mese di gennaio, infatti, ho frequentato il Master sulla comunicazione, coaching e design alla School of Life di Londra. Ad aprile, ho aperto una società di consulenza design e web a Lisbona. Parallelamente, ho avviato alcune collaborazioni con start-up come DNX Global. Ho concluso l’anno a New York per attività di networking con diversi clienti, tra cui Kiara Di Paola di New York City 4 All.

2019: I’m coming back “home”

Il periodo Portoghese si è concluso con il ritorno in Italia nel 2019. L’Italia è la terra che chiamo casa perché è laddove ho i miei affetti per intimi, laddove sono nato… tuttavia per me il concetto di casa è essere parte del mondo intero. Spesso Mi sento più a casa in un aeroporto che dentro 4 mura di un’abitazione.

Ho acquisito certificazioni internazionali come professionista nel mondo del coaching ed esperto della Programmazione Neuro Linguistica con una società milanese.

Vivere un viaggio come crescita personale cambia la vostra prospettiva di vedere e interpretare quello che vi circonda. Datevi l’opportunità di lasciarvi ispirare dalle piccole cose della vostra quotidianità e create la vostra visione del mondo.

Cristian Barbarino
info@cristianbarbarino.com
No Comments

Post A Comment