Natale a Tokyo - Giappone (by MotivandoMe di Cristian Barbarino)
1150
post-template-default,single,single-post,postid-1150,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive

Natale a Tokyo

Natale a Tokyo

tokyo-map

Giappone, destinazione Tokyo.

Trascorrere il Natale a Tokyo è stata decisamente un’ottima idea, perché questa città sa regalare tanti bei ricordi. Infatti arrivato nel tardo pomeriggio, mi dirigo verso l’hotel in zona Asakusa e subito vengo catapultato indietro nel tempo vedendo l’ingresso principale del quartiere, il Kaminarimon.

Asakusa è magica con i suoi edifici caratteristici, i locali in pieno stile nipponico e le luci di Natale che donano un tocco occidentale. Ricordo benissimo quella prima sera tra buon cibo e curiosità di saperne di più su questo luogo incantato.

Di giorno Asakusa non perde il suo fascino e il cielo azzurro intenso fa da sfondo ai colori brillanti dei templi e degli edifici più moderni, tra cui il dorato della fabbrica della birra con quella originale forma che sta a rappresentarne la schiuma.

motivandome-japan1
motivandome-japan2

I colori continuano nei quartieri di Akihabara, quartiere letteralmente animato da videogiochi, manga e cartoni e nel quartiere di Shibuya dove il consumismo regna sovrano.
Ma i colori più belli e deliziosi erano sicuramente quelli dei “mochi“: squisiti dolcetti di riso…. da provare!
Così come sono da provare i tanti piatti che vanno ben oltre il sushi: è come per gli stranieri che credono che noi italiani mangiamo pizza dalla mattina alla sera!

motivandome-japan3

Insomma questa città è una scoperta dopo l’altra! La dimensione spirituale è molto presente con gli innumerevoli templi e le svariate statue del Grande Buddha (a Kamakura) eppure rimango basito nello scoprire che non c’è più traccia dell’antica pratica Reiki che fu fondata proprio in Giappone dal Maestro Usui. Egli è sepolto a Tokyo e decido di andare personalmente a rendere omaggio al suo memorial.

Un’altra costante del Giappone sono sicuramente i famosi giardini. Silenziosi e curati nel minimo dettaglio, penso siano lo specchio dell’anima dei giapponesi. Ci si perde le ore a contemplarli! In autunno non è tempo di fioritura ma i colori dal giallo al rosso regalano un effetto altrettanto notevole.

motivandome-japan8
motivandome-japan5

Natura, templi, tecnologia e modernità stellare e una costante: è tutto in miniatura:-) anche la Statua della Libertà (nella zona di Obaida) e la Tokyo Tower sono piccole; per non parlare di Tokyo Disneyland: un parco divertimenti a misura di giapponese in cui le giostre sembrano più piccole e meno eccitanti; le stanze da albergo dove è impossibile aprire una valigia completamente; le auto; i parcheggi; i posti a sedere al ristorante; le porzioni di cibo; le attrazioni illuminate di Natale; i grattacieli che poi tanto alti non sono!!

Devo dire che il formato small size dà un’aria più amichevole a Tokyo. Tutto è a portata di mano, letteralmente una città a misura d’uomo 😃

motivandome-japan6

Cristian Barbarino
cristian.barbarino@gmail.com
No Comments

Post A Comment